Il progetto d’eccellenza “Territori del vino e del gusto. In viaggio alla scoperta del genius loci” nasce dalla collaborazione tra Assessorato del turismo, dello sport e dello spettacolo della Regione Siciliana e Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo.

Il progetto intende promuovere turisticamente il territorio siciliano, soprattutto quello meno battuto dai tradizionali circuiti turistici, valorizzando i prodotti tipici locali legati al mondo del vino e della gastronomia. Il progetto punta tra l’altro a favorire un’efficace integrazione fra turismo e cultura locale in un’ottica di sostenibilità, facendo leva sulle ricchezze autoctone della nostra regione (vigneti collinari, spazi agricoli e coltivazioni estensive) e sulla funzione che queste svolgono nella conservazione delle identità territoriali.

L’iniziativa vede anche la partecipazione della Sardegna in qualità di Regione partner: la Sicilia e la Sardegna, infatti, sono accomunate dal carattere dell’insularità, un tratto geografico che racchiude anche una vicinanza culturale.

Il progetto si basa principalmente sulla creazione di un circuito di feste e sagre incentrate sull’offerta enogastronomica del territorio: attorno al “prodotto turistico” rappresentato dal circuito delle manifestazioni si sviluppa un’articolata strategia di promozione che coinvolge sia attori locali (in primo luogo i comuni) che istituzioni ed imprese operanti nel mercato turistico e della comunicazione (ENIT, Slow Food, Gambero Rosso, Fondazione FS “Treni Storici”, Ferrovia Circumetnea etc.). L’Assessorato regionale del turismo, dello sport e dello spettacolo provvede a caratterizzare le manifestazioni comprese nel circuito ed a renderle identificabili come parte del progetto facendo animare da Slow Food – con i “Laboratori del gusto” – uno spazio apposito messo a disposizione dalle amministrazioni comunali.

Caltagirone è una delle località siciliane scelte per sviluppare alcune delle più importanti linee d’intervento del progetto.

Venerdì 15 settembre la cittadina ospiterà, nella Sala di rappresentanza del Comune, un convegno incentrato sulle strategie di marketing e comunicazione che contribuiscono a fare dell’enogastronomia un “prodotto turistico” a tutti gli effetti. Nel pomeriggio dello stesso giorno, sempre nella Sala di rappresentanza del Comune calatino, si terrà una tavola rotonda che, partendo dalle finalità del progetto “Territori del vino e del gusto. In viaggio alla scoperta del genius loci”, toccherà i temi della tipicità, dell’identità territoriale e del rapporto tra comunità locale e mercato turistico.

Sabato 16 settembre, ancora una volta nei locali della Sala di rappresentanza, il Centro Studi Turistici di Firenze curerà una giornata di formazione dedicata in primo luogo agli operatori turistici siciliani (agenti di viaggio, operatori della ricettività etc.) e poi a chi, svolgendo un ruolo cruciale legato all’accoglienza (pro-loco, amministrazioni locali), intende contribuire a migliorare con competenza l’attrattività del proprio territorio sfruttando le potenzialità del patrimonio enogastronomico.

Domenica 17 settembre la città calatina si animerà con i “Laboratori del gusto” di Slow Food e con il Treno Storico della Fondazione FS.

Venerdì 22 settembre, infine, in un albergo cittadino si terrà un workshop tra operatori dell’offerta turistica siciliana e un gruppo di buyers europei specializzati nel segmento enogastronomico, selezionati e accompagnati dall’ENIT nell’ambito di un educational che farà loro conoscere alcuni delle più belle realtà enogastronomiche dell’isola. Sarà l’occasione per le imprese turistiche siciliane per rafforzare il loro business commerciale.

 

Guarda il progetto su Visit Sicily

Guarda il progetto su Gambero Rosso